Crema di finocchi Bimby

Crema di finocchi Bimby

1
13243

Oggi giornata davvero fredda, ci vuole una bella vellutata/crema per scaldarci e riprenderci da questo freddo.

Stamattina quando sono uscita per la solita passeggiata con il cane, mi sono letteralmente congelata ed era tutto ghiacciato, d’altronde l’avevano detto che avrebbe fatto più freddo ed era anche ora, visto che siamo in inverno.

Ma passiamo alla ricetta di oggi, suggeritami da Elisa di Taglio di Po, una vera e propria scoperta, riuscita a far svanire tutti i miei dubbi, già perchè non amo molto il gusto del finocchio cotto, ma appena ho assaggiato la crema è stato amore a prima vista. <3 Provare per credere! E poi questa è o no la settimana detox? E’ anche adatta agli amici intolleranti al lattosio… perfetta direi. 🙂

Grazie 1000 Elisa per la tua slurposa ricetta!

Se anche tu vuoi suggerirmi una ricetta, inseriscila qui!

Alla prossima ricetta!

Nea!

VN:F [1.9.22_1171]

Ti piace questa ricetta?

Voto: 3.5/5 (27 voti totali)
Crema di finocchi Bimby, 3.5 out of 5 based on 27 ratings
  • Tempo
  • Spesa
  • Persone
    2
  • Difficoltà

Ingredienti

  • 300 gr di finocchi
  • 300 gr latte di soia (per chi non è intollerante usare il latte vaccino)
  • sale q. b.
  • parmigiano grattugiato q. b.
  • 1 noce di burro (o burro di soia)

Preparazione

Tagliare a rondelle sottili i finocchi, lavarli sotto l’acqua e asciugarli con un panno asciutto. Posizionare la farfalla nel boccale, aggiungere i finocchi tagliati, il latte di soia (o latte vaccino) e salare, cuocere: 30 min. 100° vel. 1. A fine cottura aggiungere il parmigiano grattugiato e una noce di burro, frullare: 30 sec. vel. Turbo. Impiattare e servire caldo… Buon appetito!

1 COMMENTO

  1. Cara Nea, anzitutto grazie per le ricette!
    Ti volevo segnalare tuttavia quanto mi è capitato oggi nel realizzare questa vellutata: quando il latte ha raggiunto l’ebollizione (ho usato il latte di soia), l’intero contenuto ha iniziato a uscire dal foro del coperchio (pur avendo posizionato il misurino). Per evitare il peggio, ho spento subito, e fatto ripartire a 95°- non più a 100°. Tutto il resto è filato a meraviglia: con la sola aggiunta di un filo d’olio d’oliva, la vellutata è squisita!;-)

LASCIA UN COMMENTO

Registrati e/o effettua l'accesso
per stampare la ricetta!
E' gratis! :)


Per registrarti clicca sul link "Accedi" in alto a destra.

Se invece hai già effettuato l'accesso, clicca sull'icona "Stampa" in fondo alla ricetta.

Pin It on Pinterest

Share This