Crostini con crema di radicchio Bimby

Crostini con crema di radicchio Bimby

7
8993

Potevo lasciarvi senza l’ultima ricetta per Pasqua? Certo che no!! Perfetta anche da proporre per la scampagnata di Pasquetta, tempo permettendo. 🙂

Finalmente riesco a scrivere un post da casa mia e finalmente riesco ad avere un pomeriggio libero per dedicarmi al mio blog, solitamente i testi e le ricette le scrivo di sera dopo cena, arrivando spesso a crollare davanti al pc dalla stanchezza!

Quello di oggi sarà un post serioso, infatti vorrei spiegarvi meglio cosa faccio esattamente nella mia vita, so che a molti di voi non interesserà un fico secco, ma alcuni spesso mi hanno chiesto: “Ma tu esattamente cosa fai?”.

In effetti dal di fuori potrebbe sembrare che io non faccia assolutamente niente, tanto che ci vuole a cucinare, fare due foto e scrivere la ricetta… peccato che dietro questo piccolo blog ci sia tutto un mondo.

Principalmente e per la maggior parte del tempo mi occupo di mia sorella, organizzandogli la giornata per filo e per segno. Infatti non tutti sanno che ho una sorella di nome Noemi più piccola (ci passiamo 4 anni) ed è autistica e non tutti sanno cosa vuol dire prendersi cura tutti i giorni di un autistico. Ho una famiglia fantastica e due genitori eccezionali, ma che “purtroppo” (in Italia bisogna ragionare così quando si ha un disabile a carico) lavorano.

Dico purtroppo perchè per lo stato tu genitore di un figlio disabile al 100% dovresti stare a casa ad occuparti di lui e sopravvivere con la pensione da miseria di tuo figlio. Peccato che nella vita di oggi non lavorare equivale ad un suicidio, soprattutto in tempi di crisi. E allora cosa fai? Cerchi di aggrapparti a tutto e a tutti, cercando di chiedere aiuto a chiunque. Per fortuna i miei genitori non sono soli e ad aiutarli ci sono io, che per permettergli di non perdere il lavoro, mi sono presa a carico mia sorella, riuscendo a sopravvivere grazie ad un lavoro che mi sono inventata io e grazie al mio ragazzo ho visto realizzato, dove ho la flessibilità giusta di seguirla in tutto e per tutto.

Scrivo questo per far capire a tutti voi quanto sia difficile la vita di un disabile e che spesso esistono periodi bui, dove ti è difficile anche dare un senso alla giornata e che non sempre riesci a fare quello che ti eri prefissato, ma poi basta un suo sorriso che tutto torna sereno. Quindi su con la vita, che c’è sempre chi sta peggio di noi! 🙂

Non capita spesso che parli della mia vita e ogni volta che lo faccio mi dilungo anche fin troppo, ma volevo giusto rispondere a voi che mi avete chiesto qualcosa in più su di me. 🙂

Se siete sopravvissuti a questo lunghissimo post e avete ancora del tempo da perdere 😉 , eccovi la ricetta di questi meravigliosi crostini al radicchio!! Super buoniiii. Per dovere di cronaca, la ricetta arriva da una dimostrazione bimby. 🙂

Alla prossima ricetta!

Nea!

VN:F [1.9.22_1171]

Ti piace questa ricetta?

Voto: 3.9/5 (10 voti totali)
Crostini con crema di radicchio Bimby, 3.9 out of 5 based on 10 ratings
  • Tempo
  • Spesa
  • Persone
    4
  • Difficoltà

Ingredienti

  • 300 gr di radicchio di Treviso
  • 200 gr di robiola
  • 1 piccolo scalogno
  • 50 gr di vino bianco secco
  • 30 gr di olio EVO
  • pane tostato q. b.

Preparazione

Mettere nel boccale lo scalogno, tritare: 5 sec. vel. 7, aggiungere l’olio, soffriggere: 3 min. 100° vel. 3, aggiungere il radicchio lavato e tagliato a striscioline, rosolare: 2 min. 90° vel. 2, aggiungere il vino bianco, cuocere: 12 min 90° vel. 2. A questo punto unire la robiola, amalgamare: 7 sec. vel. 6. Spalmare sul pane precedentemente tostato e servire… Buon appetito!

Il mio consiglio

E’ un piatto che può essere servito sia caldo che freddo.

7 COMMENTI

  1. Dalle tue parole traspare l’entusiasmo per ciò che fai. Dai pure libero sfogo ai tuoi pensieri e parole, chi vorrà leggerà, altri andranno subito alla fine, ma l’importante è che tu sia libera di fare ciò che vuoi e che ti fa stare bene…..e grazie per la ricetta, la proverò sicuramente

  2. Ciao Nea,mi chiamo Sabrina e leggo sempre le tue ricette e le provo naturalmente!!Stavolta pero’ l’occhio mi è caduto sulla parola disabile e così ho letto tutto dall’inizio…di solito vado alla ricetta direttamente!(non ti offendere ma io sono anche iscritta su facebook e non ci vado mai perchè secondo me la gente scrive troppo e io non ho il tempo di leggere e scrivere a tutti!)
    Comunque ti scrivo perchè sono infermiera in un servizio di odontoiatria per disabili a Bologna e non lascierei mai questo posto perchè ogni giorno mi rendo conto quante belle persone ci sono al mondo:i primi sono i disabili con tutte le loro particolarità (abbiamo un bambino autistico che quando arriva ci stacca tutti i fili dei vari computer…) e la loro dolcezza (la maggior parte di loro e’ molto affettuoso sia con i genitori che con noi del personale..) e i secondi (ai quale bisognerebbe fare un monumento per tanti motivi..) sono i genitori….(qua potrei forse scriverci un libro e chissa se forse un giorno non lo farò davvero) …un libro d’amore perchè poter descrivere a parole quello che vivono tutti i giorni (e per tutta la vita visto che il tempo dei disabili in molti casi si ferma) è una cosa indescrivibile che lascia senze parole noi genitori (io ho tre figli) di figli non disabili che ci lamentiamo sempre e non vediamo l’ora che crescano per poi lamentarci che non ci cercano piu’!!Queste persone invece sembrano portare il loro “peso”(perchè vi assicuro che in certi casi anche solo arrivare in ambulatorio diventa una difficolta’) con una energia, un vigore , un sorriso sulle labbra che non manca mai …..che ti fanno davvero cambiare in meglio la giornata…..e vi assicuro che quando io arrivo in ambulatorio con tutti i miei affanni mi dimentico di tutto perchè attingo energia nuova da tutti loro!!
    Io vi ammiro e vi stimo e credo fermamente che chi è sottoposto a questa prova va direttamnte in paradiso con tutti gli onori!!Queste cose anche lo Stato dovrebbe capirle ma purtroppo non ne ha il tempo….è sempre impegnato in altre cose…Allora Nea forza e coraggio perchè chi vi conosce stai pur tranquilla che vi stima e sa quanta fatica si fa ad essere genitori o sorella e fratello di un disabile!!
    Un bacio grandissimo e continuate cosi’
    Sabrina

  3. Cara Nea, condivido tutto ciò che ti scrive Sabrina…..penso che i tuoi genitori possano davvero essere orgogliosi di te! La tua è davvero una missione che Dio saprà ricompensare. Grazie per aver condiviso questa parte della tua vita con noi. E grazie per le tue ricette!
    Non arrenderti MAI !

  4. posso conservare la crema di radicchio in frigorifero? Ho già provato qualcuna delle tue ricettine… Grazie di esistere!!!

  5. Ciao anch’io ho un bimbo autistico. È dura ma riempie di emozioni. Noi seguiamo la dieta senza glutine, latte, zucchero e lievito. È ha fatto progressi. Adesso è in prima elementare ed è entusiasta e felice. Purtroppo non ha fratelli e questo a me spiace tanto ma per il momento ha l’amore è l’affetto dei compagni. Complimenti continua così sostituire la robiola con lo strachicco di riso. Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Registrati e/o effettua l'accesso
per stampare la ricetta!
E' gratis! :)


Per registrarti clicca sul link "Accedi" in alto a destra.

Se invece hai già effettuato l'accesso, clicca sull'icona "Stampa" in fondo alla ricetta.

Pin It on Pinterest

Share This